Poesie di Hermann Hesse, La festa

Cespugli oscuri dal profumo acre
il vento culla tra i rami dei platani
lampioni variopinti
dai tetti un fruscio di rosse bandiere.

Evviva! Divampa ora il piacere
sale in abbaglianti fiamme
nel tuo bel seno brucia
e crolla il castello dell'amore.

Evviva! Sono ora per l'ultima volta
al tuo fianco ardente
e ridendo ti scorto
nel salone illuminato.

E l'ebbrezza domani sarà svanita
e non risuoneranno più i valzer
e il nostro caro amore sarà spento
e la nostra fiaba nessuno canterà più.

Hermann Hesse
Esprimendosi.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...