Poesie di nebbia

Poesia di Ingeborg Bachmann 



D'inverno la mia amata
sta fra gli animali del bosco.
Ch'io sia costretto a rientrare all'alba
sa quella volpe, e ne ride.
Come rabbrividiscono le nuvole!
E sopra il mio bavero innevato
una lastra di ghiacciuoli s'infrange.

D'inverno la mia amata
è un albero fra gli alberi
e invita le cornacchie derelitte
tra i suoi rami leggiadri.
Ella sa che, quando albeggia, il vento
solleva il suo abito da sera,
rigido, ricoperto di brina,
e mi ricaccia a casa.

D'inverno la mia amata 
sta fra i pesci ed è muta.
Schiavo dell'acqua che la carezza
delle sue pinne internamente muove,
sto ritto alla riva,
e la guardo tuffarsi e rigirarsi,
finchè lastre di ghiaccio mi allontanano.

E poi di nuovo colpito
dal richiamo di caccia dell'uccello
che sopra me drizza le ali,
stramazzo in aperta campagna:
lei spenna i polii e mi getta
una bianca clavicola. In mezzo
all'amaro pulviscolo di piume
intorno al collo me l'appendo e scappo.

La mia amata è infedele
So che talora librata
Sugli alti tacchi se ne va in città,
e bacia nei bar con la cannuccia
profondamente la bocca dei bicchieri,
e trova parole per tutti.
Ma tale linguaggio io non intendo.

Paese di nebbia ho veduto,
cuore di nebbia ho mangiato.

 
Esprimendosi.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...