William Shakespeare, Sonetti 52

Io sono come il ricco come il ricco , la cui benedetta chiave
lo può portare al caro tesoro nascosto,
che non troppo frequentemente ammira,
per non ottundere la penetrante dolcezza del piacere.
Così sono le feste, infrequenti e solenni,
ben spaziate lungo il corso dell'anno,
incastonate come pietre preziose
o rari gioielli in una collana.
Così fa il tempo che in uno scrigno ti serba,
o il forziere che cela abiti di gran pregio:
per far dono a speciali momenti di speciali tesori.
Benedetto sei tu, il cui valore è tale
che, posseduto, ne trionfo, e lontano, mi fai sperare.

William Shakespeare Sonnets 52


So am I the rich, whose blessèd key
Cam bring him to his sweet up-lockèd treasure,
The which he will not every hour servey,
For blunting the fine point of seldon pleasure.
Therefore are feats so solemn and so rare
Since, seldom coming, in the long year set,
Like stones of worth they thinly placèd are,
Or captain jewels in the carcanet.
So is the time that keep you as my chest,
Or as the wardrobe which the robe doth hide,
To make some special instant special blest,
By new unfolding his imprisoned pride.
Blessèd are you, whose worthiness gives scope,
Being had, to triumph, being lacked, to hope.

William Shakespeare
Esprimendosi.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...