Giosuè Carducci, Ave

Or che le nevi premono,
lenzuol funereo, le terre e gli animi,
e de la vita il fremito
fuoco per l'aura vernal disperdersi,

tu passi, o dolce spirito:
forse la nuvola ti accoglie pallida
là per le solitudini
del vespro e tenue teco dileguasi.

Noi, quando a' soli tepidi
un desio languido ricerca l'anime
e co' i fiori che sbocciano
torna Persèfone da gli occhi ceruli,

noi penseremo, o tenero,
a te non reduce. Sotto la candida
luna d'april trascorrere
vedrem la imagine cara accennandone.

Giosuè Carducci
1880
In morte di G.P.


Esprimendosi.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...