Edgar Allan Poe, A mia madre

Poiché io ben sento che negli alti cieli
gli angeli, bisbigliando l'uno all'altro,
parola non trovano, fra i loro ardenti accenti,
che più sia devota di quella di «madre»
io già da tempo a te ho dato quel caro nome -
a te che più che madre mi sei e che mi ricolmi
il cuore, dove Morte t'installò, lo spirito
liberando, al contempo, della mia Virginia.
La mia propria madre, che così presto mi lasciò,
non fu che di me solo madre; ma tu sei madre
di colei che io così caramente ho amato:
sicché a me più cara tu sei dell'altra
per quell'infinita via per cui la mia sposa
fu alla mia anima più cara che la vita stessa.

Edgar Allan Poe.


To My Mother

Because I feel that, in the Heavens above,
The angels, whispering to one another,
Can find, among their burning terms of love,
None so devotional as that of «Mother»,
Therefore by that dear name I long have called you -
You who are more than mother unto me.
And fill my heart of hearts, where Death installed you
In setting my Virginia's spirit free.
My mother - my own mother, who died early,
Was but the mother of myself; but you
Are mother to the one I loved so dearly,
And thus are dearer than the mother I knew
By that infinity with which my wife
Was dearer to my soul than its soul-life.

Edgar Allan Poe.
Esprimendosi.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...